Condividi

“Mr Robot, la serie che sta sconvolgendo il mondo”

Elliot Alderson, ingegnere informatico di giorno e hacker giustiziere di notte. Socio-fobico e drogato di morfina, talmente sensibile al mondo avvelenato che stiamo vivendo tutti da volerlo liberare dai potenti... È già avvincente così ma questo è niente.

icona Diario di un Web designer

icona Pubblicato il

icona Scritto da Giovanni Cesaro

icona Mr Robot, serie tv hacker, recensione

Introduzione

Oggi vi voglio parlare di una serie TV che ho visto di recente, e lo so che starete pensando: "Ah... E che ca..spita centra con il Web design?" Ottima domanda... bé in effetti non molto, a parte il fatto che parla di un hacker, della tecnologia dei giorni nostri e come le persone la vivono, inoltre è bello vederlo ogni tanto smanettare su qualcosa che capiamo, tutto qui. Ma la verità è che è stato talmente travolgente che ho deciso di farlo e basta e chissenefrega. Parliamo allora di Mr Robot.

C'è da dire prima di tutto che è da molto che non mi avvicino ad una serie un po' più impegnativa di Big bang theory o Modern family, ma un giorno sono capitato nel trailer della serie su Facebook, e visto che evidentemente non avevo granché da fare l'ho fatto partire. Mi era piaciuto da morire però non avevo idea di aver visto un trailer, ero convinto fosse semplicemente un video realizzato per parlare della società attuale, più avanti di qualche settimana però ho visto una pubblicità e capito finalmente che potevo spararmi ore di quella cosa figa che avevo visto, bé ma allora... luce soffusa, cicca alla mano, posizione rilassata e cuffie da combattimento e mi sono guardato la prima puntata (senza più fermarmi).

Cosa ne penso

Dopo un paio di minuti della prima puntata della serie vi trovate catapultati nella testa di Elliot Alderson, il protagonista, che avrà detto si e no una ventina di parole in più di 90 ore di serie disponibile, eh si perché per la maggior parte del tempo ascolterete la sua voce fuori campo che racconta tutto quello che pensa, molto spesso spezzando dialoghi o lasciando il protagonista in silenzio per diversi secondi, per parlare poi, sempre se lo fa, con 3 parole in croce.

Una persona ansiosa, coperta quasi sempre dal cappuccio della sua felpa nera, jeans stretti neri e scarpe nere, il tutto indossato come la tuta di un supereroe in praticamente tutte le scene. Un supereroe che di certo non usa la forza o poteri sovrumani ma genialità e notevole percettibilità, una sensibilità fuori dal comune e decisamente ingombrante, tanto da farlo sentire inadeguato, socio-fobico e non incline al contatto fisico, a suo agio solo con pochissime persone. La società che lo circonda è quella che stiamo vivendo tutti noi ora, occupata a vivere dentro social network, smartphone e moda, tutto questo mondo avvelenato e sedato per Elliot è un fardello insopportabile che lo porta a piangere e drogarsi di morfina per riuscire a rimanerne fuori, a volte gli effetti della droga però, lo conducono a decisioni sconsiderate, anche se in fondo non gli va poi tanto male...

frame puntata mr robot

Ma come in ogni fumetto che si rispetti ha anche un nemico, molto più grande di lui: i potenti, ovvero quelle persone che stanno in cima al mondo, burattinai che muovono fili invisibili per ottenere quello che vogliono, persone fredde e accecate di potere, disposte a fare qualsiasi cosa per giocare a fare Dio.

In questa serie tutto è costruito in modo lento, a tratti confuso, ma niente è messo li per caso e grazie a questo riesce ad essere incredibilmente incisiva, grazie anche a sottofondi musicali geniali che personalmente non avrei mai pensato di posizionare sotto certe scene e che invece le rendono uniche. Ma dopo qualche puntata, giusto quando pensi di aver capito le regole del gioco tutto si stravolge e dalla tua posizione rilassata alla sedia ti ritrovi inclinato in avanti ad una spanna dallo schermo. Quasi ogni pensiero che senti è un ragionamento profondo, praticamente un'aforisma, che ti porta a riflettere, cominci a pensare anche tu e a sentirti sempre più vicino al personaggio, tanto da empatizzare in crescendo ogni scena e a vivere le sue stesse emozioni in maniera impressionante, e ormai sei in trappola.

frame puntata mr robot

Conclusioni

Per quanto mi riguarda è una delle più belle serie impegnate che abbia mai visto, le puntate durano circa 45 minuti, tralasciando quella pilota che si scosta appena da un'ora, ma più ne guardi più ti sembra che passi meno tempo e ti ritrovi da "mah si! mi guardo una puntata e poi mi butto a letto, tanto sono solo le 23" fino a "Ho finito anche le puntate sottotitolate ma sono solamente le 9 del mattino, devo chiamare il regista per farmi mandare quelle nuove".

Con questo ho finito, grazie a tutti dell'attenzione e vi ricordo che potete trovare l'articolo sulla pagina Facebook "Diario di un Web Designer" o cliccando direttamente dai link qui sotto. Fatemi sapere se vi è piaciuto con un like e una condivisione o raccontando cosa ne pensate con un commento. D'ora in poi se guarderai una serie TV, mi raccomando, fallo con <style>.
Ah! dimenticavo... Ho deciso di aggiungere qualche link d'acquisto inerente alla pagina sulla colonna a destra o qui sotto (in base al device da cui leggete), perchè si, anche a me fa comodo qualche soldino, però c'è bella roba e ho scelto i prodotti personalmente, se vi piacciono fate un salto :)

Torna su

Ogni articolo che ho pubblicato e pubblicherò fa parte del mio personalissimo percorso da Web designer e racchiude tutto ciò che mi ha interessato, affascinato o che ho trovato utile durante il mio viaggio. Oltre ad essere un blog sul web design e delle sue sfaccettature è anche un contenitore di quello che sono e di quello che mi piace. Proprio per questo ho deciso di chiamarlo "Diario di un Web designer". Qui puoi trovare: articoli, news, tutorial approfonditi, pillole, suggerimenti e informazioni sul mondo del Web e design del web. Il Blog è collegato ad una pagina Facebook nella quale potrai commentare, condividere e votare ogni articolo pubblicato, discutere e confrontarti con altri appassionati di web design come te.